Ispanofoni

6 Products

Filtri
Chiudi
  • Novità
    14,00

    Immaginate un racconto di Borges che abbia per scena, invece dell’eternità, un dettaglio qualsiasi; immaginate un’opera che si concluda, invece che in cento pagine, in una sola frase, e che quella frase coincida con l’inizio di un nuovo stile letterario esaltato da scrittori come Gabriel García Márquez, Isaac Asimov, Italo Calvino; immaginate, poi, un’architettura di invenzioni perfettamente calcolate e misericordiosamente brevi, e avrete un libro di racconti che – pubblicato nel 1959 – è il primo di Augusto Monterroso: un uomo che fino ad allora aveva letto tutti i libri senza osare scriverne uno. Sono satire irresistibili della condizione umana queste Opere complete: le imprese di un esportatore di teste di indigeni amazzonici, i turbamenti di un giovane scrittore in crisi, il risveglio di un dinosauro, le velleità artistiche di una first lady. È inutile, come anche in Borges, provare a distinguere il vero dall’immaginato perché tutto qui è visionario, a dimostrare le parole di Monterroso: «In ciò che scrivo incito sempre alla ribellione e alla rivoluzione, ma in modo così sottile che i miei lettori di solito diventano reazionari».

    Traduzione di Bruno Arpaia

    Pagine: 112

    ISBN: 9791281161146

    Temi: letteratura spagnola e ispanoamericana, umorismo

    Data di uscita: 10 aprile 2024

    Euro 14,00

  • 12,00

    Non tutte le donne hanno la fortuna di rispondere al telefono quando un cacciatore di leoni sbaglia numero. Inizia così questo sconcertante monologo a due voci, fatto di parole e silenzi: l’uomo racconta per oltre un’ora le sue avventure africane, intona improbabili lusinghe, promette (o minaccia) amore eterno, confessa desideri osceni, si abbandona a una sinistra euforia, finché tutto ciò che era nascosto viene svelato. Con un movimento che ricorda quello di un nodo scorsoio che si stringe lentamente, Tomeo mostra l’esatta misura della solitudine che rode dall’interno ogni forma di felicità: abbiamo un disperato bisogno di contatto e, se non riusciamo a trovarlo, decidiamo di inventarlo.

    Traduzione di Elisa Tramontin

    Pagine: 87

    ISBN: 9791281161108

    Temi: letteratura spagnola e ispanoamericana, umorismo

    Data di uscita: 27 ottobre 2023

    Euro 12,00

  • 22,00

    Uomo di letture sterminate, Monterroso è insuperabile nell’uso della sintesi, nell’arte del frammento e della preparazione degli effetti. Un’arte che sembra arrivare da molto lontano, dalla lontananza degli Epigrammi di Marziale. Sembra: ma scorrendo queste pagine sentiamo che ci arriva – nel tempo – da molto vicino. La lettera e è l’autoritratto di chi ha scelto di non mostrarsi («a forza di conoscerti la gente finisce per non sapere chi sei»); è un diario di viaggio (Barcellona, Parigi, Firenze, New York, L’Avana) e letterario (Kafka, Huxley, Cocteau, Rulfo, Cortázar); è l’enciclopedia di un disincantato osservatore della realtà. Monterroso ha qualcosa di essenziale da dirci, ma non si sofferma mai troppo, come se ogni verità fosse tollerabile soltanto se si manifesta in un improvviso bagliore. È una questione di buone maniere: «Un libro è una conversazione. La conversazione è un’arte, un’arte educata. Le conversazioni ben educate evitano i monologhi molto lunghi, e perciò i romanzi sono in definitiva un abuso delle relazioni con gli altri. Il romanziere è così una persona maleducata che presuppone i suoi interlocutori disposti ad ascoltarlo per giorni». Ecco, Augusto Monterroso è una persona educata.

    Traduzione di Bruno Arpaia

    Pagine: 287

    ISBN: 9791281161061

    Temi: letteratura spagnola e ispanoamericana, diari

    Data di uscita: 27 giugno 2023

    Euro 22,00

  • 12,00

    Non sono amabilmente edificanti, le favole di Augusto Monterroso, né ammonitorie, né tantomeno caste. Scandalose, piuttosto, limpidamente equivoche e irriverenti. Nessun cedimento alla tradizione dei favolisti antichi, nomi avvolti nella leggenda: Esopo, Fedro, Aviano & Co. Dietro questa raccolta di opere minuscole e perfette s’indovina il gusto della parodia, qualcosa di simile a un guizzo di gioco. Il lettore ritroverà animali che già gli erano familiari, ma che ora tradiscono caratteri imprevisti: come la Scimmia scrittrice o il Cane che voleva diventare umano. Imparerà a conoscere esseri che sembrano usciti dalla fantasia dell’autore: come lo Specchio che non riusciva a dormire o il Camaleonte che non sapeva di che colore diventare. E si imbatterà in creature di cui neanche sospettava l’esistenza: come il Cavallo che immagina Dio o la Sirena dissidente. Una zoologia fantastica che si snoda – come nelle strisce dei Peanuts – tra humour e malizia, smorfia e dissimulazione e che si può dire contenga tutte le risposte, tutti i consigli che ci difendono e ci immunizzano dalle altrui malizie, smorfie e dissimulazioni.

    Traduzione di Antonino Trizzino

    Pagine: 74

    ISBN: 9791281161078

    Temi: letteratura spagnola e ispanoamericana, favole

    Data di uscita: 13 marzo 2023

    Euro 12,00

     

  • 16,00

    Forse un tempo Lupercia e Basilio sono stati sposi innamorati con tanto di giuramento di amore eterno. Ma la brutta notizia è che, dopo qualche anno, la coppia non funziona più come prima. Insieme gestiscono una merceria specializzata in lingerie sexy, vivono nella stessa casa e dormono in camere separate. Quando l’eros sembra ormai spento, decidono di consolarsi rispettivamente con Big John e Marilyn, due bambole gonfiabili di terza generazione – modello HP-457 – poliglotte e spregiudicate. Una domenica pomeriggio, di ritorno dal ristorante, Basilio e Lupercia sorprendono i loro amanti di silicone nel mezzo di un tumultuoso amplesso. Il tradimento avrà effetti imprevedibili che rischieranno di volgersi in tragedia. In questo libro candido e sfrontato, velato di dolcezza e oscenità, Tomeo concentra i tratti del suo stile: il grottesco, che ricorda Goya e Buñuel, l’umorismo, che devia la realtà sotto il prisma dell’assurdo, e una satira crudele abbastanza da dire quello che tutti pensiamo e non diciamo.

    Traduzione di Elisa Tramontin

    pagine: 144

    ISBN: 9791281161030

    Temi: letteratura spagnola e ispanoamericana, eros

    Data di uscita: 21 dicembre 2022

    Euro 16,00

  • 16,00

    Scrittore di racconti di una sola riga, Monterroso si diverte a lanciare i suoi piccoli ordigni letterari, sempre più piccoli, sempre più perfetti. E tanto più gli riesce di colpire, quanto più si fa invisibile. Come in questa raccolta di saggi (Shakespeare, Lamb, Quiroga, Borges), miniature narrative (una cena con Kafka), aneddoti (le avventure eroicomiche di un traduttore), satire (le dittature sudamericane) che per esattezza e densità ricordano un classico latino. Ma Monterroso non è un classico latino, è una delle massime voci della letteratura ispanoamericana del Novecento – ed è anche un illusionista capace di convincerci, con astuto gioco prospettico, che il suo è un libro di poco più di cento pagine. Ma ogni volta che lo rileggiamo, accade qualcosa: le pagine prodigiosamente si moltiplicano. Non c’è dubbio, quest’uomo, la cui opera è stata ammirata da Gabriel García Márquez e Italo Calvino, ha saputo nascondere un libro interminabile dentro un libro misteriosamente breve.

    Traduzione di Elisa Tramontin

    Pagine: 127

    ISBN: 9791281161009

    Temi: letteratura spagnola e ispanoamericana, critica e storia letteraria

    Data di uscita: 22 settembre 2022

    Euro 16,00